Visto che si sta parlando “ad libitum” sul tema referendum, mi sento quasi obbligato a dire la mia (tanto… non potrà essere più tossica di quelle che avete già letto/ascoltato).

L’executive summary è già il titolo.

La tesi che proverò a dimostrare (anzi la mia modesta proposta ) è la seguente:
“altro che referendum: qui ci vuole una bella riforma istituzionale, con riduzione del 90% del numero dei parlamentari, oppure (ancora meglio) votazione in capo ai Capigruppo e parlamentari dedicati ad attività para-curriculari (orge, comparsate a “porta a porta”, isoledeifamosi, isoledeifamosi con orge)”.
Quindi, vuoto per pieno, faccio mia la proposta che Berlusconi ha presentato a inizi marzo (per esempio, guarda qui , su un prestigioso quotidiano indipendente, lievemente legato a una nota fabbrica di automobili.

Vediamo perchè.

Fatto n. 1: l’attuale sistema elettorale non prevede la indicazione del voto di preferenza. I referendum (EDIT: per motivi procedurali – grazie Arturo) non sanano questa questione. Quand’anche (probabilità 5%) si raggiungesse il quorum, si continuerebbe a votare con l’attuale sistema bulgaro che ha portato in parlamento nani, ballerine e inghiottitori di spade (oltre a quelli di rospi, già ampiamente diffusi nella passata legislatura).

Il popolo “sovrano” non ha modo di scegliere all’interno di una lista chi debba essere eletto. Salta il meccanismo della rappresentatività e, in buona sostanza, qualsiasi divergenza di opinioni è eliminata a monte (ammesso che il candidato ci tenga alla pelle, alla poltrona, alla poltrona di pelle).

Fatto n. 2: Come immediata conseguenza della questione di cui sopra, i parlamentari chiamati a votare in parlamento (quando non votino “semplicemente” la fiducia al governo) assai difficilmente lo faranno in modo difforme dal volere di coloro che ce li hanno portati. Perchè dovrebbero farlo? Non rispondono all’elettorato ma, in presa diretta, a chi li ha messi in lista.
Da questo punto di vista è emblematica la dichiarazione del ministro Brunetta all’assemblea dei gruppi parlamentari del PDL (EDIT: fonte Radio Radicale fate click qui, trovate l’intervento in fondo alla pagina… parla della questione dopo circa 2 minuti). Citando a braccio: “il vostro lavoro è umile ma prezioso: spesso dovete votare su cose che non capite e vi annoiate parecchio in parlamento a spingere quei bottoni…”.

Peraltro, (cosa abbastanza divertente) non è stato linciato: lo hanno applaudito.

Fatto n. 3: La conseguenza logica è ovvia: se comandano i capigruppo e se i deputati non rappresentano più gli interessi del loro bacino di elettori, a cosa servono in parlamento?  Consentiamo loro di fare altro (vedi la premessa).
A questo punto, ulteriore modesta proposta migliorativa. Votiamo con la scheda delle elezioni del 1934. E’ patriottica, evita i brogli e consentirebbe di risparmiare un sacco sulle operazioni di spoglio.
Tanto, non reagiremmo neanche per questo.

Private